Viaggi

Un progetto per l’Ospedale Heodra (León-Nicaragua)

Postato il Aggiornato il

Riceviamo dal prof. Antonio Languzzi il progetto presentato dalla Onlus RE.TE ONG per accedere ai fondi dell’Otto Per Mille Opere della Chiesa Evangelica Valdese.

Si tratta di un progetto di potenziamento della sala di emodialisi e delle sale operatorie dell’ospedale Heodra volto a dare risposta terapeutica alle insufficienze renali gravi per pazienti dell’area León-Chinandega in Nicaragua.

Nicaragua Mappa
La mappa del Nicaragua e la posizione di León sulla costa dell’Oceano Pacifico a poca distanza dalla capitale Managua

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Domani niente scuola

Postato il Aggiornato il

Purtroppo non è l’annuncio di una variazione del calendario scolastico 2014-15 ma il titolo di un libro di Andrea Bajani, scrittore romano di nascita, torinese d’adozione.

‘In un mese ho fatto quello che ogni adolescente di questa terra pagherebbe per fare, e che ogni adulto non farebbe nemmeno con una pistola puntata alla tempia. Per tre volte mi sono trovato prigioniero volontario di tre scolaresche in gita, tre plotoni di ragazzi che da un anno aspettavano solo quel momento’.

La copertina del libro di Andrea Bajani 'Domani niente scuola' - Einaudi editore
La copertina del libro di Andrea Bajani ‘Domani niente scuola’ – Einaudi Editore

Leggi il seguito di questo post »

The night school

Postato il Aggiornato il

Gerrit (o Gerard) Dou (Leida, 1613 – Leida, 1675) è stato un pittore del Secolo d’oro della pittura olandese. Contemporaneo di Vermeer e di Rembrandt, fu apprendista nella bottega di quest’ultimo per tre anni. Nel 1632 si stabilì a Leida come pittore indipendente.

I suoi quadri ritraggono scene della vita quotidiana, in genere sono di piccole dimensioni e molto ricchi di particolari. Gerrit Dou perfezionò la tecnica del chiaroscuro, realizzando quadri con scene notturne al lume di candela.

Tra questi, esposto al Rijksmuseum di Amsterdam, vi è la tela intitolata ‘The night School’ ovvero ‘Scuola serale’ detto anche quadro delle quattro candele per via delle quattro fonti di luce che illuminano la scena.

Gerrit Dou 'A night school' - Rijksmuseum di Amsterdam
Gerrit Dou ‘A night school’ – Rijksmuseum di Amsterdam

Leggi il seguito di questo post »

Un antenato romano per Bart Simpson

Postato il Aggiornato il

Fine anni Ottanta

Quando Matt Groening si recò negli studi della Twentieth Century Fox per proporre per la prima volta i personaggi della famiglia Simpson, diede ad essi, mentre aspettava di essere ricevuto nello studio del produttore televisivo J. L. Brooks , i nomi dei membri della sua famiglia: Homer e Marge come i suoi genitori, Lisa e Maggie come le sue sorelle minori.

Bart è invece l’anagramma di brat che in inglese significa monello. Bart Simpson ha i capelli formati da nove punte. Nessun altro personaggio dei Simpson ha gli stessi capelli.

Nell’introduzione al libro ‘I Simpson – La guida completa alla nostra famiglia preferita’ edizione italiana Rizzoli, Matt Groening dice tra l’altro:

[…]
Così, migliaia di ore più tardi, dopo aver visto e rivisto ogni episodio mille volte e ancora, dopo aver controllato ogni fatto sui copioni, nelle sceneggiature e sui disegni originali, questo è il risultato. Sarete felici di scoprire che, nel fare questo lavoro, diciassette persone sono diventate completamente pazze, tanto perché poteste sapere, senza contarle da voi, che i capelli di Bart Simpson hanno nove punte.

La copertina del libro 'I Simpson – La guida completa alla nostra famiglia preferita' edizione italiana Rizzoli
La copertina del libro ‘I Simpson – La guida completa alla nostra famiglia preferita’ edizione italiana Rizzoli

Leggi il seguito di questo post »

29 maggio 1953: prima scalata dell’Everest

Postato il Aggiornato il

Maggio è il mese delle scalate all’Everest  (in tibetano Chomolangma, madre dell’universo).

La maggior parte delle ascensioni alla montagna più alta della terra (8848 metri) viene infatti effettuata nel mese di maggio prima dell’arrivo del monsone estivo. Le condizioni meteorologiche e della neve al suolo vengono considerate ottimali dagli alpinisti.

Fu proprio il 29 maggio 1953 (esattamente 61 anni fa) che venne compiuta la prima scalata all’Everest dal neozelandese Edmund Hillary e dallo sherpa Tenzing Norgay.

Edmund Hillary e Tenzing Norgay
Edmund Hillary e Tenzing Norgay

Leggi il seguito di questo post »

Un torinese a Istanbul

Postato il Aggiornato il

Le vacanze si avvicinano, quelle di Pasqua sono alle porte, quelle estive all’orizzonte. Vi parliamo quindi di una possibile meta di viaggio: di una città a cavallo tra Europa ed Asia.

La città è Istanbul.

Basilica di Santa Sofia
Basilica di Santa Sofia

Leggi il seguito di questo post »

Into the wild – Nelle terre estreme

Postato il Aggiornato il

Oggi vi raccontiamo la storia di un ragazzo, un ragazzo americano.

Nel 1990 finito l’università con ottimi risultati, invia tutti i suoi soldi circa 24000 dollari a un’associazione di beneficenza, rifiuta la macchina nuova proposta come regalo dai genitori e decide di girare l’America con la sua vecchia Datsun.

Non si sa cosa cerchi, forse il mitico West americano, forse la libertà, forse il contatto con la natura.Per due anni si sposta per l’America, quando la sua vecchia macchina lo abbandona prosegue con il suo zaino in autostop.

Per procurarsi il cibo fa dei lavoretti, tutti i suoi datori di lavoro lo descrivono solitario, schivo ma affidabile sul posto di lavoro. Leggi il seguito di questo post »