Sogni

Ragazzi mutilati. Gli alunni stranieri nella scuola italiana (parte 2 di 3)

Postato il

Sulla base dei dati statistici riportati nella prima parte e della mia esperienza di insegnante, vorrei esaminare adesso due condizioni diverse: quella di chi entra per la prima volta nel sistema scolastico italiano e quella della “seconda generazione”, cioè dei figli nati in Italia da genitori stranieri, che sono ormai la maggioranza.

Chi è appena arrivato

“Un ragazzo che, al di là di ogni ragione di cultura, non ha accesso alla nostra casa comune, la lingua nazionale, è un ragazzo mutilato. È la prima delle esclusioni ed essa, come le altre, alimenterà un giorno la violenza”. Il ministro dell’istruzione francese nel 2002 introduceva così una presentazione dei nuovi programmi della scuola media.

Alunni Stranieri 3

Leggi il seguito di questo post »

Un progetto per l’Ospedale Heodra (León-Nicaragua)

Postato il Aggiornato il

Riceviamo dal prof. Antonio Languzzi il progetto presentato dalla Onlus RE.TE ONG per accedere ai fondi dell’Otto Per Mille Opere della Chiesa Evangelica Valdese.

Si tratta di un progetto di potenziamento della sala di emodialisi e delle sale operatorie dell’ospedale Heodra volto a dare risposta terapeutica alle insufficienze renali gravi per pazienti dell’area León-Chinandega in Nicaragua.

Nicaragua Mappa
La mappa del Nicaragua e la posizione di León sulla costa dell’Oceano Pacifico a poca distanza dalla capitale Managua

Leggi il seguito di questo post »

Muri che crollano

Postato il Aggiornato il

NO! Non è un articolo sullo stato disastroso dell’edilizia scolastica in Italia, ma su un anniversario: domenica 9 novembre 2014 saranno 25 anni esatti dalla caduta del Muro di Berlino.

Forse non tutti ricordano che fu il corrispondente italiano dell’Ansa a Berlino, Riccardo Erhman, che durante la conferenza stampa in cui il ministro della Propaganda Günter Schabowski annunciò la libertà di viaggio verso l’ovest, pose la domanda:

‘Da quando sarà in vigore la legge?’
‘Da subito’ fu la risposta improvvisata di Günter Schabowski.

Le agenzie di stampa trasmisero al mondo queste parole e una marea di gente da Berlino Est e da Berlino Ovest si riversò sul Muro.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Leggi il seguito di questo post »

A proposito di Dora Bruder e Patrick Modiano

Postato il Aggiornato il

Due storie ci appaiono nella Parigi occupata dai nazisti: quella del giovane Patrick Modiano e quella di Dora Bruder. Due storie che non si incroceranno mai.

Anni dopo lo scrittore Patrick Modiano ripercorre quegli anni a partire da una flebile traccia che riguarda una misteriosa ragazza: Dora Bruder.

La copertina del libro 'Dora Bruder' del premio Nobel per la letteratura 2014 Patrick Modiano
La copertina del libro ‘Dora Bruder’ del premio Nobel per la letteratura 2014 Patrick Modiano

Leggi il seguito di questo post »

The night school

Postato il Aggiornato il

Gerrit (o Gerard) Dou (Leida, 1613 – Leida, 1675) è stato un pittore del Secolo d’oro della pittura olandese. Contemporaneo di Vermeer e di Rembrandt, fu apprendista nella bottega di quest’ultimo per tre anni. Nel 1632 si stabilì a Leida come pittore indipendente.

I suoi quadri ritraggono scene della vita quotidiana, in genere sono di piccole dimensioni e molto ricchi di particolari. Gerrit Dou perfezionò la tecnica del chiaroscuro, realizzando quadri con scene notturne al lume di candela.

Tra questi, esposto al Rijksmuseum di Amsterdam, vi è la tela intitolata ‘The night School’ ovvero ‘Scuola serale’ detto anche quadro delle quattro candele per via delle quattro fonti di luce che illuminano la scena.

Gerrit Dou 'A night school' - Rijksmuseum di Amsterdam
Gerrit Dou ‘A night school’ – Rijksmuseum di Amsterdam

Leggi il seguito di questo post »

29 maggio 1953: prima scalata dell’Everest

Postato il Aggiornato il

Maggio è il mese delle scalate all’Everest  (in tibetano Chomolangma, madre dell’universo).

La maggior parte delle ascensioni alla montagna più alta della terra (8848 metri) viene infatti effettuata nel mese di maggio prima dell’arrivo del monsone estivo. Le condizioni meteorologiche e della neve al suolo vengono considerate ottimali dagli alpinisti.

Fu proprio il 29 maggio 1953 (esattamente 61 anni fa) che venne compiuta la prima scalata all’Everest dal neozelandese Edmund Hillary e dallo sherpa Tenzing Norgay.

Edmund Hillary e Tenzing Norgay
Edmund Hillary e Tenzing Norgay

Leggi il seguito di questo post »

Il dado è tratto

Postato il Aggiornato il

Ed eccoci arrivati in dirittura di arrivo.

Non credevo che sarei riuscita a portare a termine un progetto simile. Credevo che avrei mollato tutto a metà: orari, materie, tutto nuovo. Ho dovuto riorganizzare la mia vita, ma non avrei mai rinunciato, anche se durante il percorso alcune situazioni spiacevoli hanno cercato di ostacolarmi.

In ogni caso, ha vinto la forza di volontà e posso aggiungere che comunque vada, mi sento davvero orgogliosa di me stessa. Sono sempre stata una persona insicura, non che adesso sia diventata la persona più estroversa del mondo, e il fatto di trovarmi in mezzo a tanti ragazzi così giovani, inizialmente mi aveva spiazzato e non poco. Leggi il seguito di questo post »